Manovra, Brunetta: Finanziarla ancora in deficit è da irresponsabili

“La crisi tedesca potrebbe essere esacerbata dalla contemporanea crisi del Regno Unito, alle prese con la questione Brexit che, non trovando una soluzione, sta provocando una fuga di massa delle imprese dal suolo britannico e un crollo dei consumi e della fiducia da parte di imprese e famiglie. I legami commerciali tra l’Italia e i due paesi sono molto forti e, quindi, è facile prevedere come la somma di questi due eventi comporterà effetti molto negativi sull’export e sul Pil italiano, che già è in fase di stagnazione.

Tutto questo, non farà nient’altro che diminuire notevolmente gli spazi di manovra fiscale a disposizione del nuovo governo giallorosso che pure, nel suo programma, ha promesso mari e monti agli italiani in termini di maggior spesa, dimenticandosi di indicare con quali coperture potrà neutralizzare l’aumento dell’Iva, finanziare le maggior spese per welfare, salario minimo, scuola, opere pubbliche e tagliare il cuneo fiscale.

L’idea di finanziare ancora in deficit la manovra è semplicemente da irresponsabili, in quanto contribuirebbe ad aumentare il già insostenibile stock di debito pubblico.

Gli italiani si accorgeranno subito di come questo Governo non sia nient’altro che la naturale prosecuzione di quello precedente, con l’attore principale, il Movimento Cinque Stelle, che non è cambiato e con quello secondario, il Partito Democratico che, temiamo, gli darà ancor più seguito nell’aumentare la spesa pubblica”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi