Animali, Bond: No ricette elettroniche per gli animali da affezione

“È paradossale prevedere una ricetta veterinaria elettronica per gli animali da affezione, come cani o gatti, tanto più che i farmaci veterinari non sono passati dal Servizio Sanitario Nazionale. È necessario intervenire affinchè dal 2019 non entri in vigore questa novità”.

Così il deputato di Forza Italia, Dario Bond, durante la discussione in XII Commissione Sanità e Sociale sul Decreto Milleproroghe.

“Con l’introduzione delle ricette elettroniche anche per i veterinari, se dovessimo curare il nostro cane o il nostro gatto non potremmo più recarci direttamente in farmacia, ma dovremo andare dal nostro veterinario, farci compilare una ricetta elettronica e solamente poi potremmo andare a comprare il medicinale”, spiega Bond.

“Altra burocrazia, altre carte, altre difficoltà, alla faccia della semplificazione”.
“Ho chiesto una deroga per i farmaci veterinari, almeno per i piccoli animali da compagnia”, conclude Bond “e il sottosegretario alla Salute presente in commissione, il dottor Armando Bartolazzi, mi ha chiesto di organizzare un nuovo incontro per trovare una soluzione ad una situazione paradossale”.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi