Banche: che fine ha fatto il fondo risparmiatori truffati?

“Oggi in Commissione Finanze il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, dovrà rispondere ad un nostro question time sull’ormai famoso fondo in favore dei risparmiatori truffati dalla banche sottoposte a risoluzione o comunque poste in liquidazione coatta amministrativa negli ultimi anni, tra le quali si trovano Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. La dotazione finanziaria del fondo è pari a 25 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2018 al 2021. Ad oggi, nonostante gli annunci, ad oltre sei mesi dall’entrata in vigore della legge di bilancio, che istituiva il fondo, e ben oltre il termine dei 90 giorni previsti per dare attuazione alle disposizioni richiamate, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri necessario per sbloccare il fondo non è stato ancora emanato“.

Lo affermano in una nota congiunta i deputati di Forza Italia Baratto, Gelmini, Occhiuto, Bendinelli, Bond, Brunetta, Cortelazzo, Marin, Milanato, Martino, Giacomoni, Cattaneo, Angelucci, Benigni e Bignami.

Secondo gli esponenti azzurri “si tratta di un ritardo inaccettabile, che pesa come un macigno sulle migliaia di famiglie e piccoli imprenditori rimasti colpiti dalla crisi bancaria degli scorsi anni. Il ministro Tria dovrà chiarire quali siano i tempi previsti per l’adozione del decreto e in quali tempi il governo intenda presentare la relazione alle Camere sullo stato di attuazione delle disposizioni relative al Fondo, così come previsto dalla legge”, concludono.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi