Bond, MPS e Banche Venete: due pesi, due misure

La politica italiana (soprattutto il PD) si sbraccia per il salvataggio del Monte dei Paschi di Siena che è già costato 17 miliardi ai contribuenti, mentre per Pop Vicenza e Veneto Banca il grosso dell’onere è ricaduto su azionisti e obbligazionisti.

Banca Monte dei Paschi di Siena (MPS) versus Veneto Banca e Popolare di Vicenza: due pesi e due misure, dove emerge un PD che sta facendo il diavolo a quattro per evitare il fallimento del MPS, mentre per le due banche venete non ha praticamente mosso un dito, lasciando i due istituti di credito veneti al loro triste destino squassando la vita finanziaria di molti risparmiatori e, soprattutto, di molte aziende del territorio che solo ora si stanno risollevando.

Il crack delle due banche venete ha mandato in fumo 6,5 miliardi di Veneto Banca e 7 miliardi di PopVicenza, con risparmiatori truffati e indennizzati solo con poche migliaia di euro anche a fronte di perdite consistenti. Di fatto, il governo ha abbandonato le due banche venete al loro destino, colpendo in particolare Veneto Banca che aveva una situazione finanziaria decisamente migliore rispetto a quello della banca vicentina, cedendo entrambi gli istituti posti in liquidazione coatta a Banca Intesa per un misero euro, accompagnata con una dote pubblica di 5,2 miliardi e garanzie statali per altri 12 miliardi per la copertura del rischio credito.

Viceversa, per Mps lo Stato sta facendo di tutto per non farla fallire, continuando ad iniettare risorse pubbliche nonostante che il conto per i contribuenti sia già a quota 17 miliardi, con la possibilità di salire di altri 10 miliardi e anche più se si vuole evitare la predita di qualche migliaio di posti di lavoro che in Veneto non sono stati parimenti tutelati.

Ecco, il dubbio che sovviene è due pesi, due misure. E s’insinua pure il vecchio detto, sempre valido, del “pensare male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca”: non è che tutto l’attivismo del Pd attorno al MPS sia dovuto al fatto che ad ottobre si vota per le suppletive della Camera proprio nel collegio elettorale di Siena, collegio notoriamente feudo del PD dove candida un certo leader di partito come Enrico Letta?

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi