Caon: Povera sinistra, ridotta a farsi dettare la linea politica da un rapper

“Povera sinistra, ridotta a farsi dettare la linea politica da un rapper. Il dibattito sul ddl Zan sta assumendo, in questi giorni, pieghe grottesche. Sembra sia diventato normale ignorare il dibattito parlamentare su una legge e delegarlo a un personaggio ‘social’ e alla sua facoltosa moglie, ancora più ‘social’ di lui. Il tutto nonostante la crassa ignoranza dimostrata sulle procedure legislative e la discutibile attitudine a prendere di mira alcuni esponenti politici per esporli al pubblico ludibrio. Quest’ultimo atteggiamento non deve meravigliare.

Forse il Pd lo ha dimenticato, ma Fedez resta un grillino della prima ora, uno dal “vaffa” facile, e poco avvezzo al dibattito. L’ultima volta che ho controllato l’Italia era ancora una democrazia in cui il parlamento è sovrano. E sono i parlamentari a fare le leggi, e a renderne conto ai cittadini. La sinistra si faccia pure telecomandare da uno showman, noi rispondiamo agli italiani. E gli italiani sono alle prese con altri problemi, soprattutto di natura economica, per farsi prendere in giro da qualche showman con molti soldi e troppo tempo libero”.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi