DL agosto, Caon: Il Governo è a corto di idee e di progetti e decisamente non in grado di rilanciare il Paese dopo la pandemia

“Il Premier Conte non ha dubbi: il Governo decide sui progetti finanziati con le risorse del Recovery fund. E poi indice un bando presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonostante abbia anche a disposizione un mega staff (il cosidddetto dream team) chiedendo aiuto a soggetti pubblici e privati per acquisire studi di particolare rilevanza strategica e di carattere accademico-scientifico che abbiano ad oggetto il rilancio del sistema degli investimenti pubblici e privati attraverso l’elaborazione di modelli socio-economici con una componente di forte innovazione ed una avanzata propensione alla rapida implementazione. Al bando che è scaduto pochi giorni fa, vanno aggiunte le dichiarazioni del Ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, del 20 novembre 2019 alla Camera dei Deputati per l’informativa sulle crisi aziendali, con le quali affermava l’introduzione di misure in grado di favorire l’attrazione di investimenti esteri mirati ai territori e alle imprese in crisi.

Una situazione gattopardesca che la dice lunga sulle reali capacità dell’attuale Governo di fronteggiare i complessi cambiamenti e le ripercussioni economiche in atto in Italia. Un Esecutivo decisamente a corto di idee e progetti in grado di rilanciare il Paese dopo la pandemia. Ed è proprio per questo che è necessaria l’istituzione di una commissione parlamentare sulla destinazione fondi del Recovery fund, prima che i soldi della UE vengano sperperati in mille rivoli e rivoletti. Il vero problema dell’attuale Governo è che purtroppo senza la Cultura non si può fare Politica”.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi