Governo, Marin: Da Salvini a Renzi a Di Maio, Conte litiga con tutti

“Il Presidente del Consiglio del governo gialloverde Giuseppe Conte ha concluso il primo governo dal lui presieduto prendendosi a male parole con Salvini e con un gelo evidente, per usare un eufemismo, con Di Maio.

Quindi senza imbarazzo alcuno ha sostituito la Lega con PD, Leu e IV mantenendo così la sua poltrona a Palazzo Chigi. Il Conte 2, questa volta in salsa giallorossa.

Così ora il Presidente del Consiglio litiga senza sosta con Renzi, mentre Di Maio sembra sparito dal dibattito politico. È evidente che cambiano i fattori, ma il risultato non cambia: Conte litiga con tutti. L’unico obiettivo per lui è conservare la sua poltrona a Palazzo Chigi. Per Conte evidentemente conta solo questo. Non propriamente un comportamento da Capo del Governo. Più che avvocato degli Italiani come si era auto definito Conte si muove e agisce da avvocato di se stesso. Il problema vero è che l’Italia con Conte Presidente del Consiglio purtroppo corre veloce verso il baratro”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi