Lavoro, Brunetta: Per ora solo calo dell’occupazione e del Pil

“Il mercato del lavoro presenta dati significativamente negativi; la caduta degli occupati si accompagna alla caduta dei contratti a termine e dei contratti a tempo indeterminato. Per i prossimi 6 mesi, sarà necessario continuare a sostenere una strategia di emergenza.

Come dice il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, è difficile immaginare assunzioni soprattutto a tempo indeterminato. Per questo occorre rifinanziare la cassa integrazione e i meccanismi di sostegno del reddito per autonomi, liberi professionisti e stagionali. Ulteriori interventi di modifica dei meccanismi della cassa di tipo selettivo, come oggi annunciato dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, possono creare pericolosi corto circuiti amministrativi di cui già abbiamo visto i presupposti e ritardare l’erogazione di cassa (a proposito a quando i dati sul tiraggio?). Sarebbe utile non creare ulteriori incertezze alle imprese. Al contrario, sono opportuni strumenti per il rientro dalla cassa integrazione con incentivi che evitino comportamenti impropri sapendo, però, che non è solo il fatturato che può determinare necessità o meno di cassa. Sarebbe altrettanto necessario prevedere incentivi per assunzioni a tempo indeterminato e tempo determinato e in generale per tutte le assunzioni. Gli incentivi alle assunzioni, infatti, devono valere per tutti i contratti e vanno insieme con la liberalizzazione dei contratti a termine. E, infine, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri fa riferimento al Pnr, ma non vi sono priorità chiare con ulteriore scostamento.

Ci vogliono priorità. Il rimbalzo dell’economia lo vedremo. Per ora vi è solo il calo del Pil”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi