Renato Brunetta, intervista a ‘Radio anch’io’ (Radio1 Rai)

RIASCOLTA L’INTERVISTA

Pnrr, Brunetta: “61mila candidature per 1.000 esperti è notizia straordinaria, portale inPA pone basi della modernità”

Le 61mila candidature arrivate per i 1.000 incarichi professionali che le Regioni dovranno conferire per il Pnrr sono una “notizia straordinaria. Sono arrivate dentro un portale, inPA, una struttura moderna dove chiunque può inserire il curriculum e cercare lavoro nella Pubblica amministrazione”. Lo ha detto il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ai microfoni di Radio Anch’io su Rai Radio 1.

“Linkedin Italia ha 16 milioni di curricula. Ecco, noi abbiamo realizzato una piattaforma simile tutta dedicata al lavoro pubblico. Anche perché soltanto il Pnrr richiederà 1 milione-1,2 milioni di professionalità e di lavoratori nei prossimi cinque anni. Con il portale abbiamo posto le basi della modernità per l’accesso alla Pubblica amministrazione, con un meccanismo di trasparenza e velocità”.

Smart working, Brunetta: “Nel pubblico va organizzato tenendo conto della soddisfazione di cittadini e imprese”

“Il lavoro agile è totalmente diverso tra pubblico e privato. Il privato ha un controllore supremo che si chiama mercato. Se il privato organizza male il suo lavoro, il mercato tira fuori il “piede invisibile” e lo butta fuori. Nel settore pubblico, che fornisce sevizi pubblici – sicurezza, giustizia, sanità, scuola, formazione – non c’è il mercato, c’è la soddisfazione di cittadini e imprese. Per questo nel pubblico bisogna organizzare il lavoro ai fini della soddisfazione degli utenti”. Lo ha detto il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ai microfoni di Radio Anch’io su Rai Radio 1.

“Nella fase più acuta della pandemia, il settore privato ha previsto la cassa integrazione, nel pubblico nessuno è andato in cassa integrazione. Tutti coloro che hanno potuto lavorare da casa sono stati messi in smart working. Adesso si è deciso di stabilire delle regole, nel pubblico il lavoro agile è tornato a essere una delle modalità di svolgimento della prestazione, con un’organizzazione per obiettivi e con la rotazione, indispensabile”.

“È falso, è una leggenda metropolitana – ha aggiunto il ministro – che lo smart working abbia aumentato la produttività. Nessuno ha mai misurato la produttività, semplicemente perché non era misurabile. Per farlo, occorreva avere un’ organizzazione per obiettivi. Forse il lavoro da casa ha in qualche maniera conciliato meglio le esigenze tra lavoro e famiglia, tra lavoro e spostamenti, ma alla lunga anche questo beneficio ha lasciato il tempo che trovava. Molti si sono sentiti distaccati dal contesto, privati della relazione: si sono sentiti “fuori”. Attenzione: questo nel privato rappresenta un grande rischio”.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi