Trasporto pubblico locale, Caon: Serve più sicurezza per autisti e nelle stazioni

“L’allarme che arriva dagli autisti di Busitalia e dalle loro organizzazioni sindacali va preso seriamente. E serve una risposta anche sotto il profilo della sicurezza pubblica, con l’aiuto delle forze dell’ordine”.

E’ quanto dichiara Roberto Caon dopo le ripetute aggressioni avvenute ai danni di conducenti degli autobus.

“Quanto è successo questa settimana è gravissimo, ma si tratta solo dell’ultimo episodio. Un autista, che stava aiutando una persona disabile a scendere dal mezzo, è stato picchiato, perché ‘era troppo lento’.

Un Paese dove accade questo non è un Paese civile. Ed è intollerabile che delle persone non siano messe nelle condizioni, ormai da troppo tempo, di lavorare serenamente. Non possiamo stare a guardare. Bisogna rendere, innanzitutto, le stazioni luoghi sicuri.

Le stazioni, e quella di Padova purtroppo non fa eccezione, sono troppo spesso luoghi dove si assembrano, spesso bighellonando, persone che vivono ai margini della legalità: molti di loro, certamente non tutti, sono cittadini stranieri, alcuni irregolari”.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi